infedeltà coniugale

Il sospetto di un tradimento è uno dei motivi che più logora ogni coppia, anche quelle più solide e longeve.

Ma quando i comportamenti si possono ricondurre ad un tradimento?

Quando uno dei due partner sospetta una mancanza di fedeltà da parte dell’altro, ogni minimo segnale diventa una scusa per affermare i propri timori.

In questo caso si corre davvero il rischio di rovinare una relazione basandosi su segnali sbagliati, proiettando sul compagno di vita tutte le proprie insicurezze.

Per non arrivare a perdere la fiducia contando solo sulle proprie incertezze, la migliore soluzione è quella di rivolgersi ad un investigatore privato esperto in tradimenti, che potrà sicuramente confermare o smentire, una volta per tutte, i dubbi del partner sospettoso.

Esistono, comunque, dei comportamenti reiterati che tutti i traditori, anche i più furbi, mettono in atto già agli albori di una relazione extraconiugale.

Cambiamenti repentini nel modo di vestire, nel modo di truccarsi, nei gusti e negli interessi possono essere generati da una volontà di mutamento interiore, ma non è insolito che siano spinti anche da una terza persona verso cui si nutre interesse.

Il cellulare, quello che viene demonizzato quando si tratta di infedeltà coniugale, ha anch’esso la sua parte. Se prima veniva lasciato in giro per casa senza porvi troppa attenzione, il traditore inizia ad ignorare volutamente messaggi e chiamate ad orari insoliti, potrebbe inserire una password di protezione o tenerlo sempre con sé, facendo fatica anche a cederlo.

Indubbiamente anche la qualità della vita della coppia e il tempo trascorso insieme cambia. Il traditore è meno presente in casa, aumentano le uscite serali o in orari in cui prima non era solito andare fuori, e anche in casa potrebbe iniziare a chiudersi in una stanza e a cercare una privacy maggiore.

Tutti questi sono ovviamente segnali che, presi singolarmente, non sempre sono associati ad un tradimento.

Cosa fare se si sospetta un tradimento?

Per togliere ogni dubbio, il detective privato può seguire con discrezione il partner sospettato e verificare che davvero non abbia un’altra relazione.

Condividi